CLICK HERE FOR THOUSANDS OF FREE BLOGGER TEMPLATES »

Gianni Celeste


Gianni Celeste


Giovanni Crasso, in arte Gianni Celeste, nasce in uno dei più antichi quartieri della ridente cittadina che risponde al nome di Catania, il 24 giugno 1964. Da piccolo viene attratto dalle dolci melodie napoletane, in particolare dalle canzoni del grande Mario Trevi. Inizia cosi la sua passione per il canto e gia all’età di dieci anni canta per se e per gli amici suscitando in loro grande interesse. Gianni cresce, e con lui cresce oltre il bel canto una vena poetica, questa sua passione lo porterà presto a comporre le canzoni che andranno a fare parte del suo primo LP. Nel 1984, spinto da amici e parenti ad incidere il suo primo lavoro, mette in cantiere “RICORDO D’ESTATE” che uscirà nel 1985, è subito un successo più di 50.000 copie, cattura l’interesse e la curiosità di molti impresari siciliani, ed in pochi mesi i suoi concerti fanno il giro dell’ isola. Questo inaspettato successo porta GIANNI CELESTE a lasciare il suo lavoro di meccanico che fino ad allora era parte integrante della sua vita, per dedicarsi esclusivamente a scrivere canzone opo canzone, cosi nel 1986, è la volta del “IL MIO CAMMINO”. Nel 1987 dopo un’accurata ricerca di brani arriva il successo inaspettato che porta GIANNI CELESTE al primo posto nella classifica di vendite di LP napoletani suscitando un interessa particolare pure anche da parte di operatori del settore napoletano. Con l’ LP “L’ AMANTE” dieci brani di straordinaria bellezza, GIANNI acquisisce quella popolarità che lo porterà a restare in cima alle classifiche per molti anni. L’ album “L’ AMANTE” in pochi mesi supera le centomila copie, e la canzone “L’ AMANTE” che gia da il titolo all’ album fa il giro del mondo, ed fino ad oggi è il brano che identifica il successo di GIANNI CELESTE. Negli anni a venire, GIANNI colleziona successi discografici, concerti in Italia e all’ estero, fino ad arrivare nel 1992 ad essere chiamato dal noto regista FRANCO CASTELLANI a girare un film nei quartieri di Palermo dal titolo “VITE PERDUTE”. Anche questa esperienza cinematografica risulta importante per la carriera di GIANNI, che sull’onda di popolarità che gli da il film, continua a dare al suo pubblico le emozioni che solo i suoi brani sanno dare. Nel 1998 viene chiamato nella città madre della canzone napoletana per esibirsi in matrimoni, cerimonie e serate in piazza riscotendo un successo che tutt’ora continua a riscuotere. GIANNI CELESTE possiede una discografia di 50 cd, video e un film programmato anche dalle reti nazionali.

Foto Album






Non la tocco più
video




L'amante
video




Cuore mio (live)
video




Ti vorrei (live)
video




L'infermiera di notte
video



Nera nera
video





Testo L' amante

Rinte a stu pico io e te stamm strigiuti accussi c'annascunniemmu na gente pe nun c'è fa vede, passanu i journi sperannu ca mai nessun po capi pecche io tengo gia moglie e tu spusate gia si
La ci sta mia moglie no nun me guarda e nun fa cosi vedrai che pò capi cerca e nun tremmare fatti un pò più in la forse non capisce passa e se ne va, si cagnata n'faccie che te piglia a te tu ti senti male e cade in braccia a me guardo io mia moglie s'avvicina a me dice bellu mio nun te fa chiù vede,
ma comme faccio stasere dimmilo tu ca gia fa mo ca c'ha visto mia moglie qualcosa io ha gia n'venta pe nun le fa male o cori e pe me fa perduna perchè si esta sta male io nun c'ha faccie a campa,
la ci sta mia moglie no nun me guarda e nun fa cosi vedrai che pò capì cerca e nun tremmare fatti un pò più in la forse non capisce passa e se ne va si cagnata n'faccie che te piglia a te tu ti senti male e cade n'braccio a me guardo io mia moglie s'avvicina a me dice bello mio nun te fa chiù vede..



Testo Cuore mio

Cuore mio, si tu ce crire nat'ammore nascerà
e ti porterà lontano dove il cielo poi finisce, addò nasce o sole
nasce pure nat' ammore...

Cuore mio, che ta lassat io nun ce crer,
e cunzum e nott copp o liett,
chiure l uocchie e a te par ra verè, ma nun c'è stai vicin a te

RIT:

E PO MIEZ E STRAD ADDò CAMMIN FACCIA A GENT,
VEC SEMB A TE NU CHIUOV FISS RINT A MENT,
NUN CE STA RIMAN,CHE LO PORTI VIA CON TE,
FORSE NUN O SAJE CA RIN'T A ME TU RIEST SEMB,
NUN T'AGGIà SCURDAT VITA MIA MAI PE N ISTANTE,
DAMME N'OCCASIONE NUN O SAJE COMME STO MAL,
DAMME ANCOR CHISTU BEN,PECCHè IO VIV SUL E TE,SUL E TE...

Cuore mio, che pavasse mo pe fall riturnà,
venderesti l'anima,facisse cose e pazz,
pa te nè semb vicin per non farla andare viaaa....

RIT:

E PO MIEZ E STRAD ADDò CAMMIN FACCIA A GENT,
VEC SEMB A TE NU CHIUOV FISS RINT A MENT,
NUN CE STA RIMAN,CHE LO PORTI VIA CON TE,
FORSE NUN O SAJE CA RIN'T A ME TU RIEST SEMB,
NUN T'AGGIà SCURDAT VITA MIA MAI PE N ISTANTE,
DAMME N'OCCASIONE NUN O SAJE COMME STO MAL,
DAMME ANCOR CHISTU BEN,PECCHè IO VIV SUL E TE,SUL E TE...



Testo Ti vorrei

Io ti vorrei
farei pazzie
per star con te
fin a sto munn
pe t'abbraccià
per star con te io cosa farei
cercass' ammor
ovunnque sei
si nn ce stiss t'inventerei
io col tuo amore mi perderei
non so cosa farei

si bella tu
con quei capelli neri che tu hai
con quel visino rosso dolce sei
anche se io non ti ho mi piaci sempre più
comm aggia fa
senza di te io nun ma fir e sta
pur stu core nun vo chiu'aspetta
batte chiu forte e corr cerca sul a te

fatt chiu ca
nun ve' ca i soffr'
fatt tucca
nun fa dispiett ma c'aggia fa
pe chist' ammor me fai dannà
nun m' dai retta
si ma pecche
nun chiur l'uocch'e t'astring a me
staremo insieme sempre io e te
per non lasciarci più

si bella tu
con quei capelli neri che tu hai
con quel visino rosso dolce sei
anche se io non ti ho mi piaci sempre più
comm aggia fa
senza di te io nun ma fir e sta
pur stu core nun vo chiu'aspetta
batte chiu forte e corr cerca sul a te

si bella tu
con quei capelli neri che tu hai
con quel visino rosso dolce sei
anche se io non ti ho mi piaci sempre più
comm aggia fa
senza di te io nun ma fir e sta
pur stu core nun vo chiu'aspetta
batte chiu forte e corr cerca sul a te
comm aggia fa
senza di te io nun ma fir e sta
pur stu core nun vo chiu'aspetta
batte chiu forte e corr cerca sul a te

si bella tu
con quei capelli neri che tu hai
con quel visino rosso dolce sei
anche se io non ti ho mi piaci sempre più
comm aggia fa
senza di te io nun ma fir e sta
pur stu core nun vo chiu'aspetta
batte chiu forte e corr cerca sul a te







Testo L'infermiera di notte

Scusami se t telefon a chest'ora
ma sultant tu mu può capì
è scuppiat a guerr rint o' cor e sto' murenn

nun cia facci' cchiù
chella guaglion è 'n'ossession
m turment semp è cchiù
faticamm assiem e sap ca già song spusat
chiamm a cas senza scuorn
e cu mia mogli' e' vot m fa appiccicà

Rit:
L'infermiera di notte
ca fa' o' turn pe' mme
e chistat pe' forz
no vò fa sapè
nun s' 'mport e' mia mogli'
e sta tentand ogni strad pe' m conquistà

Profumo provocante
ca t' scet e accussì
l'infermiera di notte
me sap fa murì (X 2)

Ramm tu na man
ca a' cunosci' megli' e me
sta e cas propri affianc a te
I nun teng a forz pe' cumbatter sta guerr
fors a te t' sta a' sentì

nun cia facci' cchiù
chella guaglion è 'n'ossession
m turment semp è cchiù
faticamm assiem e sap ca già song spusat
chiamm a cas senza scuorn
e cu mia mogli' e' vot m fa appiccicà

Rit.

Profumo provocante
ca t' scet e accussì
l'infermiera di notte
me sap fa murì (X 2)

Rit.

Profumo provocante
ca t' scet e accussì
l'infermiera di notte
me sap fa murì