CLICK HERE FOR THOUSANDS OF FREE BLOGGER TEMPLATES »

Gigi Finizio

Gigi Finizio

Gigi Finizio iniziò a scrivere canzoni fin da ragazzino: avviato allo studio del pioanoforte all'età di cinque anni, a nove superò l'esame Siae.È comparso anche in televisione nelle tramissioni "Argento e oro", "Tandem" ed anche durante il Carnevale di Viareggio . Negli anni '90 ottenne il suo primo contratto discografico con la Fonit Cedra. E’ stata forse la più giovane rivelazione della musica, Gigi Finizio scrive canzoni fin da ragazzino, ha cominciato a studiare pianoforte a 5 anni e a nove aveva già superato l’esame di autore alla SIAE. Centinaia di canzoni scritte, diversi album pubblicati, le sue canzoni passionali e cariche di energia conquistano le platee. Questi i numeri di un cantante che in tanti anni ha raccolto i frutti del lavoro iniziato quando era ancora bambino, un lavoro che lo ha portato spesso in televisione: “Argento e oro”, “Tandem”, ed ancora il carnevale di Viareggio, fino ad arrivare agli anni 90 quando ottiene il suo primo contratto discografico con la FONIT CETRA.
Nel novembre ‘94 Finizio partecipa alla selezione di Sanremo Giovani con la canzone “Scacco Matto” classificandosi al 1° posto nella sezione cantautori. Quindi nel ‘95 la partecipazione al 45° Festival Di Sanremo nella sezione Giovani con il brano “Lo Specchio dei Pensieri” dove ottiene un prestigioso 3° posto. In quel periodo la Fonit Cetra pubblica l’album con lo stesso titolo del successo sanremese, che diventa subito una hit radio e Pippo Baudo lo invita a “Sanremo Top”. In quell’occasione lo invita a duettare live con Giorgia la canzone “Io te vurria vasà” diretti dall’orchestra del Maestro Caruso. Seguono centinaia di concerti live in Italia e all’estero ottenendo sempre successo e ammirazione da parte del pubblico. Nel 1996 torna a Sanremo nella sezione giovani, guadagnando l’accesso alla categoria Big ed ottenendo una buona posizione e un ottimo successo della critica con il brano “Solo Lei”, musica di Finizio e Annona e testo di Pino Daniele. Subito dopo esce l’album “FINIZIO” realizzato con i grandi musicisti del panorama musicale italiano e internazionale quali: Charlie Cannon, Orlando Jhonson, Joy Garrison, Crystal White, Lele Melotti, Antonio Annona, Ernesto Vitolo, Roberto Guarino e tanti altri. Sarà questo lavoro che porterà Finizio a cantare per il pubblico d’Europa e d’oltreoceano: NEW YORK, TORONTO, ATLANTIC CITY, BRUXELLES ecc.
Intanto si pensa ad allargare gli orizzonti dell’artista e nel ‘97 Finizio è scritturato dal regista Tato Russo per rappresentare nel ruolo del protagonista, il Musical “Masaniello”, una produzione del teatro Bellini di Napoli che ha portato in scena 100 attori ed un’orchestra di 34 elementi, ottenendo un grande consenso da parte della critica e del pubblico. Nel febbraio ‘98 pubblica un singolo dal titolo “Fammi Riprovare” e prima di iniziare la tournee estiva partecipa al programma VIVA NAPOLI prodotto da Mike Buongiorno, dove canta in coppia con Paola Folli ottenendo il premio della critica con il brano “Resta Cu’mmè”. In quel periodo Paolo Limiti lo invita nel suo programma per cesellare rigorosamente live le classiche napoletane, e in occasione della festa della Repubblica Italiana in diretta RAI da New York, gli fa rappresentare i napoletani nel mondo. Successivamente pubblica il suo nuovo album di brani inediti dal titolo “COME INTENDO IO”, nove brani inediti più una chicca: il brano “Corazon partìo” che ha venduto 20.000.000 copie in tutto il mondo con un bellissimo testo italiano ma pieno di colori mediterranei. Arriviamo a luglio 2005: esce “Per Averti”, il nuovo cd di Gigi Finizio con il singolo “A modo mio”.
A novembre 1994 Finizio partecipò alla selezione del Festival di Sanremo Giovani con la canzone Scacco Matto, qualificandosi primo nella sezione cantautori. Di conseguenza nel '95 poté accedere alla sezione giovani di Sanremo presentando la canzone Lo specchio dei pensieri
classificandosi al terzo posto.
La sua seconda partecipazione al Festival di Sanremo lo vede impegnato con la canzone Solo lei marzo 2006 Partecipo' al Festival di Sanremo insieme ai "Ragazzi di Scampia" con il singolo "Musica e Speranza" arrivando 3° nella sezione "Gruppi". La canzone andò molto di moda presso le emittenti radiofoniche partenopee per i successivi due mesi. Non furono dello stesso parere gli organizzatori del Festival di Sanremo, visto che constrinsero Finizio a cambiare il testo della canzone dal napoletano all'italiano per motivi di "incomprensione linguistica" per gli spettatori. Scoppiò uno scandalo, visto che censurarono il napoletano di Gigi Finizio ma permisero al presentatore di quell'edizione - Giorgio Panariello - di poter utilizzare il suo dialetto quale il toscano anche in presenza degli ospiti internazionali di quell'edizione - il noto attore John Travolta e il wrestler John Cena.
L'ultimo suo album si intitola Musica e Speranza, dove sono contenute le canzoni "Gli amori veri", "La Magia del vento", "Come stai". La perfetta padronanza della tecnica vocale, e la costante vena melodica che accompagna buona parte dei suoi brani, lo rendono un cantante molto apprezzato e seguito da un pubblico giovane, sebbene non manchino estimatori di altre età. Anche la qualità degli arrangiamenti è quasi sempre ottima, con soluzioni musicali e armoniche mai banali, anche se consuete per il genere.


Foto Album





A modo mio

video




Musica e speranza
video




Tu e nisciuno cchiù

video




Fammi riprovare
video




Per averti
video




Gigi Finizio si esibisce con Claudio Baglioni

video




Gigi Finizio ospite a Rai2 (concerto Natale 2006)
video




Gigi Finizio Fammi Riprovare live San Paolo
video




Tu si 'na cosa grande
video



Testo A modo mio

Hai ragione tu
Quando dici che non riesco a vivere
Senza te…
Non respiro più,
Tutto il resto sembra inutile, lo sai,
Se te ne vai…
Via dagli occhi tuoi
C’è una notte senza fine,
Un mare che
Non mi bagna più,
Amore, amore no…
A modo mio
Saprei come fare…
A modo mio
Troverei le parole…
A modo mio
Tu non sarai dentro di me
La solitudine…
A modo mio
Ricominciare…
A modo mio
Ti saprei ritrovare
Ma dove sei…
Tu non lo stai
Stanotte quanto ti vorrei…
Ora siamo qui,
Spenti da un interruttore illogico,
E non vorrei…
Briciole di noi,
Basta un po’ di vento
Per soffiarci via,
Anima mia…
Via dagli occhi tuoi
C’è una notte senza fine,
Un sole che
Non riscalda sai,
Amore, amore no…
A modo mio
Saprei come fare…
A modo mio
Troverei le parole…
A modo mio
Tu non sarai dentro di me
La solitudine…
A modo mio
Ricominciare…
A modo mio
Ti saprei ritrovare
Ma non potrei dimenticare…
Ho cercato un altro
Paradiso da inventare,
Ma non posso
Lasciarti andare via,
Amore, amore no…
Tu non sarai dentro di me
La solitudine…
A modo mio
Ricominciare…
A modo mio
Ti saprei ritrovare
Ma dove sei…
Tu non lo stai
Stanotte quanto ti vorrei…


Testo Musica e speranza

Simme nat' ajere ma già sapimme
ca pe'campa'
ce vo'a scola d'a strada pe'ce'mpara'
e cercamm 'o sole dint'a munnezza
pe'ce scarfa'
pecchè o friddo mpiett chiù male fa
si o dimane nun tene dimane
sapimme che ffa'
nuje pe fforza cacciamm 'o curagg
pe nun ce penza'
Si a vita te mette paura
si 'a notte addeventa chiù scura
socchiudi la porta del cuore
nu pizzeco 'e luce a dint'o core fa asci'
nun te preoccupa'ca nu quarto 'e lune sta sempre là
ca si allunghe a mano t'ho po'piglia'
mettimmece a posto 'a cuscienza
mangiammece pane e pacienza
La musica è vera speranza
e chesta speranza chiù ricche ce fa'
Trase dint'e vicole d'e quartier'e tutt'a città
e si pure tu stai scetato te fa sunna'
Senza casco a vvote affruntamm 'a morte pe'scemità
ce sta chi s'o mette pe ghi' a spara'
nun tenimm e sord pe nu gelato
ca po'scarfa'
na guagliona bella pa ta vasa'
Ma tenimme chi canta'e canzon
pe fa'annammurra'
chi ce presta 'na machina 'a sera
pe'farla affaccia'
si'a vita te mett paur
si'a notte addiventa chiù scura
socchiudi la porta del cuore
nu pizzec'e luce a dint'o core fa asci'
nun te preoccupa'ca nu quart 'e luna sta sempre là
ca'si allunghe a mano t'o poi piglia'
Simm nat addo'niente ce sta
da nisciun vulimm pietà
ma sti figl dint'o foco e l'inferno
nun vonno pazzia'
e sti mamm a paura d'a mort non ponno stuta'
E noi che stiamo qui
diciamo a tutta la gente
che della vita nostra o sa poco o sa niente
guardiamoci negli occhi
e se una lacrima scende
nuje simm tale e qual
pure nuje simm gente
Mettimece a posto 'a cuscienza
mangiammece pane e pacienza
la musica è vera speranza
e chesta speranza chiù ricche ce fa'
Chesta è na canzone
ca zittu zitt ce fa allucca'
E lluccamm ca 'a voce rott
'e chesta città


Testo Fammi riprovare

Saranno forse quegli occhi profondi che arrivano al cuore
o quel tuo modo di dirmi ti amo, adesso non so
Sono deluso ma forse mi sbaglio, sono solo confuso
Dalla rabbia che sento che cresce ogni giorno di più
(*)Come faccio a non pensare, Dio che smania dentro me
qui nell'aria e nei pensieri, tutto rassomiglia a te
Io ti giuro e ti rigiuro che non ti vedrò mai più
Tanto tu sarai sempre dentro me, in ogni attimo, dentro me
RIT.: Sarà perché ti sento sulla pelle, nelle mani
di qualcuno che ti toccherà domani
in un istante che per te non è importante
e si perde per niente…
Tu fammi riprovare, non lo vedi ci sto male
ah...Se si sbaglia, sarà umano, ma è divino perdonare
Io non voglio, non pretendo, io non mi arrendo
Tu fammi riprovare…
Ora quando io parlo per te sono solo parole
Che ti sfiorano solo la mente e non fanno rumore Stai sicura non è per ferirti che dico ti amo
Forse adesso sarà troppo tardi, ma io amo te
(*)Come faccio a non pensare, Dio che smania dentro me
qui nell'aria e nei pensieri, ogni cosa sa di te
Io ti giuro e ti rigiuro che non ti vedrò mai più
Tanto tu sarai sempre dentro me, in ogni attimo, dentro me
RIT.: Sarà perché ti sento sulla pelle, nelle mani…di qualcuno che tocchera domani di un istante che per me non e importante e si perde per niente
Tu fammi riprovare, non lo vedi ci sto male
ah...Se si sbaglia, sarà umano, ma è divino perdonare
Io non voglio, non pretendo, io non mi arrendo
Tu fammi riprovare...


Testo Per averti

Quante volte ho camminato per cercarti
E tu che ancora non ci sei…
Dimmi tu qual è la strada
Per averti…
Quanto tempo è già passato sul mio viso
Ma non sono stanco, sai…
Non ho fretta,
So aspettare, ancora…
Quale mare devo navigare,
Dimmi quali sono le parole,
Quale storia, quale brutto vento
Ti allontana adesso che ti sento…
Giuro che non è uno sbaglio
Se mi stai ascoltando
Ci puoi credere…
Potrei rinunciare a tutto
Per averti…
E ancora…
Posso andare via dal mondo,
Anche giù all’inferno
Sai che ci starei…
Basta solo che ogni tanto
Un po’ mi penserai…
Cerco di cambiare il corso dei pensieri
Ma da me non te ne vai…
Sarei pronto anche a sbagliare
Per averti…
Sfioro con le dita un foglio bianco e nero
Per sentirti un po’ di più…
Forse non lo puoi capire, ancora…
Quale mare devo navigare,
Dimmi se ci sono le parole,
Dimmi quando arriverà il momento
Se tu esisti mentre sto scrivendo…
Giuro che non è uno sbaglio
Se mi stai ascoltando
Ci puoi credere…
Potrei rinunciare a tutto
Per averti…
Ancora…
Posso andare via dal mondo,
Anche giù all’inferno
Sai che ci starei…
Perché non c’è niente di sbagliato,
Amore…
Quanta forza che mi dai,
Quanta vita dentro gli occhi tuoi,
Dimmi solo se ti ho già incontrato e dove…
Ho bisogno di sapere solo che ci sei…